Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per saperne di piu'

Approvo

 profile photo architettoiannece 96x96    Italian_Designer    bandiera Italia

 

 

Mission

"Occorre sempre più oggi in Italia coniugare, in un rapporto ponderato e produttivo, la memoria storica e la complessità contemporanea: due fattori ineludibili per chi intende fare architettura Infatti, se è oggettiva l’importanza dell'eredità culturale e la vastità del patrimonio storico-artistico nazionale da salvaguardare e valorizzare, sono altrettanto evidenti sia il crescente degrado edilizio, non solo metropolitano, sia la cattiva gestione del territorio. Il superamento di tali dicotomie è compito anche dell'architetto che può concorrervi giungendo ad una sintesi utile ed efficace attraverso la bio-architettura"

 

 

Il Curriculum 

 Profilo

Antonio Iannece nasce ad Avellino il 12 maggio 1957 da una famiglia di insegnanti di scuola elementare la cui storia ne ha incisivamente segnato il tratto caratteriale e professionale.

Vive e lavora in Alta Irpinia, territorio ricco di risorse umane e materiali di cui è appassionato studioso.

Dopo aver frequentato il liceo classico F. De Sanctis di Lacedonia  si laurea, con lode, presso la facoltà di Architettura dell'Università Federico II di Napoli e si iscrive all'Ordine degli Architetti della Provincia di Avellino, nel 1984 col n. 186.  

La sua attività è intensa e varia come lo è la sua formazione specialistica post universitaria che riguarda diversi campi: la prevenzione Incendi (ex L. 818/84 - 1987);  il risparmio energetico in edilizia (ENEA - 1992);  le discipline storiche, artistiche, archeologiche e letterarie (Istituto Suor Orsola Benincasa NA - anno acc.1998-1999); le tecniche di ingegneria naturalistica (AIPIN Campania - 2001); la sicurezza sui luoghi di lavoro (ex DD. Leg.vi 626/94 e 494/96 e 528/99 e 81/'08 e succ. -2006-'13); l'impiego nella progettazione di software cad 3d/rendering (dal 2002); implementazione dello Studio con dotazione di tecnologia avanzata BIM/CGI (per tale utlimo settore lo Studio ha beneficiato dei fondi del MICROCREDITO - Sviluppo Campania dal 2016); Europrogettazione (Master 2015-'16 presso EUROPACUBE Innovation Business School).

 

Carattere

Affidabile, rigoroso, concreto. 

 

Passioni

Basso elettrico, arte, disegno, biografie di grandi personaggi, viaggi:  

 

io

(Between paste and future - Digital self-portrait - PH - 2008)

 

  

Formazione professionale

Nel 1976, consegue la  maturità classica presso il Liceo-Ginnasio “F. De Sanctis” di Lacedonia, si iscrive alla Facoltà di Architettura dell'Università Federico II di Napoli.

Segue, tra gli altri, i corsi universitari tenuti dal Prof. Lucio Santoro e dal Prof. Renato De Fusco di Storia dell’architettura, dal Prof. Arturo Rigillo di Urbanistica, dal Prof. Roberto Di Stefano di Restauro dei Monumenti, dalla Prof.ssa Donatella Mazzoleni di composizione e metodologia della progettazione architettonica.

Con il Prof. Aldo Loris Rossi sostiene gli esami di Composizione I, III, IV e V e predispone la tesi di laurea.

Tra i progetti accademici più formativi vi è un Piano regolatore e un Piano di recupero per la Città di Eboli (Sa) 30000 ab. e un Progetto di biblioteca per una comunità di 2000 abitanti; una Unità abitativa integrata a sviluppo verticale, alta 160 metri per 2500 abitanti: la megastruttura è concepita con soluzioni tecnologiche innovative e futuribili, finalizzate all'autosuffcienza energetica ed alla integrazione delle funzioni in verticale della comunità.

biblioteca assonometria  biblioteca pianta piano terra  megastruttura unità abitativa a sviluppo verticale   fildiferro megastruttura unità abitativa a sviluppo verticale 

Il 26 luglio 1983 conclude l’esperienza universitaria e si laurea, con lode con una Tesi ad oggetto:

“Inquadramento terziario del territorio della Comunità Montana Alta Irpinia - Ipotesi di riequilibrio, con inserimento di un frammento metropolitano”.

 

Tesi di Laurea

Il progetto prevede la realizzazione di un Polo integrato, per lo sviluppo socio-economico del territorio dell’Alta Irpinia e per la valorizzazione turistica della sponda sud del Lago artificiale di Conza della Campania, da attuarsi attraverso l'inserimento organico di strutture architettoniche innovative, pensate per offrire servizi specialistici e di qualità indispensabili ad una comunità che, nell'ambito prescelto, conta circa 30000 abitanti: - residenze - albergo - cinema - teatro coperto - teatro greco - stadio - tennis - golf - strutture di ricezione turistica - centro diagnostico -  servizi sanitari di primo intervento - centro direzionale per uffici sovracomunali - campus di universitario per la ricerca tecnologica.

Nel 1984 si iscrive all'Albo professionale, presso l'Ordine degli Architetti della Provincia  di Avellino al n.186svolge, ininterrottamente, un’intensa attività da libero professionista.

Arricchisce la sua formazione di base con l'aggiornamento professionale continuo, attestato dai vari corsi a cui ha partecipato, amplia il suo bagaglio culturale attraverso numerosi viaggi di studio in Italia ed all'estero (Francia, Spagna, Inghilterra, Grecia, Austria, Svizzera) affianca la metodologia progettuale accademica al know how assimilato dall'insegnamento della Storia dell'Arte.

 

Prime esperienze professionali

Nel 1984 la sua attività professionale inizia con una significativa e formativa collaborazione con l’Ufficio Tecnico della Diocesi di Sant’Angelo dei Lombardi, Conza, Nusco e Bisaccia, la più vasta della Campania, redigendo, in conseguenza del sisma del 23 novembre 1980, la “mappa del danno" relativa agli edifici religiosi di proprietà della Chiesa, ricadenti nell'Area del cratere. Questa singolare esperienza gli consente di apprezzare e conoscere, de visu, il valore e l'entità del patrimonio dei beni architettonici religiosi di tale diocesi: tantissime chiese minori, ma anche importanti conventi e cattedrali di impianto romanico.

santannseztrasv  Facciata S. Anna  santannasezlong    svitoquadfess rilievo purgatorio

Ha modo di rilevare ed annotare con schizzi e studi negli archivi ecclesiastici la storia e le peculiarità estetiche delle architetture danneggiate dal terremoto; osserva ed assimila la qualità artistica delle molteplici suppellettili sacre e nota la tipicità degli elementi decorativi, plastici e pittorici, di cori lignei altari in pietra e in gesso, di dipinti e pale d'altare custoditi nelle chiese. Sempre per conto dell’U.T.D. progetta ristrutturazioni e restauri architettonici di edifici religiosi assieme a un progetto di massima per la Nuova chiesa e centro parrocchiale di Torella dei Lombardi. 

 nuovachiesa torella pianta prospetto nuovchiestorella pianta torella nchies schiznuovchiestorr  schizzi rilievo

Concorsi

Dal 1987 partecipa a Concorsi di riqualificazione urbanistica e progettazione architettonica:

Sistemazione di spazi urbani di Calitri (1° classificato con incarico di sistemazione della Piazza e del Corso Garibaldi).

Arredo urbano per la sistemazione di Piazza d’Armi ad Avellino.

Concorso nazionale per la Sistemazione di un’area pubblica del Centro Storico di Sant’Angelo dei Lombardi (2° classificato).

Concorso nazionale per la Progettazione del Sistema urbano a Milano antistante la Stazione Centrale fino a Piazza della Repubblica.

- Concorso, ad invito, conseguente alla precedente partecipazione, per la Sistemazione di Piazza Missori a Milano.

- Concorso nazionale di idee per il Nuovo Palazzo della Provincia di Foggia.

planimetriafoggia   prospettivafoggia   CIMG8011

- Concorso per la Sistemazione di Piazza G. Marconi ad Aquilonia.

- Concorso nazionale di idee per la Nuova Chiesa,  Casa canonica e Centro parrocchiale di Frigento.

Attività d'insegnamento e Iniziative culturali e sociali

Nel 1987 affianca l’attività di libero professionista con i primi incarichi di insegnamento della Storia dell’Arte.

Nel 1990 supera il Concorso ordinario in tale disciplina ed entra dal 1993 nei ruoli del Ministero della Pubblica Istruzione: l’attività didattica gli permette tra l'altro di mantenere vivo il contatto con le nuove generazioni, rilevandone posizioni e esigenze e sensibilizzandole alla conoscenza e valorizzazione del Partimonio artistico italiano.

Con il suo Studio organizza convegni, dibattiti e iniziative volte alla divulgazione ed alla conservazione integrata dei Beni culturali, in special modo promuovendo la conoscenza delle bellezze ambientali, artistiche ed architettoniche esistenti nelle Zone interne della provincia di Avellino.

E' ideatore e fondatore, assieme ad un gruppo di giovani studenti, dell’Associazione culturale on-line “Forum Nova Hirpinia”. L'iniziativa dal 2008 ha favorito diverse attività socio-culturali sul territorio di aggregazione giovanile attraverso eventi espressivi e formativi (dipingere e lavorare la creta con l'artisa, educazione stradale con bimbi in bici) svolti anche piazza e in ambienti dedicati: exhibit creativi, incontri culturali, convegni tematici, mostre di pittura e di scultura. 

 

Progetti e realizzazioni

Inizia dal 1984 a progettare e realizzare nuove costruzioni e riqualificazioni di abitazioni private, con arredi di interni, su suo design.

1984, collabora alla redazione del P.R.G. di Aquilonia.

1986-’87, redige progetti di Riqualificazione ambientale di ambiti urbani del Centro storico di Sant’Andrea di Conza e di Calitri.

pianta fontana calitri planimetriafontanacal   sezione fontana concorsocalitri

1988-‘89, è progettista del Piano di Recupero degli ambiti abitativi situati nel Centro storico del nuovo abitato di Aquilonia.

pdraquiloniasdf PRDaquilonia profilo prospett2pdr

1987, progetta una nuova Struttura sportiva polivalente indoor ad Aquilonia ad uso Bocciodromo, palestra polivalente, paletsra arti marziali.

bocciodromo assonom

1988, realizza l’ampliamento su tre livelli della Casa comunale di Aquilonia; il progetto comprende l'archivio stabile dell'Ente, spazi polivalenti per riunioni ed eventi collettivi entro la biblioteca e una moderna Aula consiliare per 200 posti.

1990-'94, realizza il complesso per gli Uffici della nuova Sede della Comunità Montana Alta Irpinia, a Calitri.

matrici comunità montana   planim comunità montana  prospetto comunità montana

Facciata e scala di emergenza  CM dallalto

1992, progetta il Restauro di parte del Municipio di Aquilonia.

1993-'07, progetta e realizza quattro Comparti edilizi abitativi in linea, composti da nuclei duplex, inseriti nel Piano di Recupero di Aquilonia nuova e di essi cura anche il progetto e la realizzazione delle sistemazioni esterne.

1994, svolge attività di Collaudo tecnico-amministrativo per conto del Ministero delle Infrastrutture eTrasporti per le aziende beneficiarie dei contributi per la ricostruzione degli Impianti produttivi realizzati nel Beneventano. 

1997, redige un progetto di Ristrutturazione dell’Abbazia di San Vito ad Aquilonia, per il giubileo del 2000, (sull'edificio religioso aveva già progettato il restauro e consolidamento statico, a seguito dei danni dovuti al terremoto del 1980).

1998, progetta e realizza la Ristrutturazione della Facciata della Chiesa S.M. Maggiore di Aquilonia, sempre per il giubileo del 2000.

2002 è Coordinatore in fase di progetto del Recupero e valorizzazione del Sito di Aquilonia vecchia (ex Carbonara).

2003-'06, redige e realizza il progetto di Riqualificazione ambientale e produttiva del territorio rurale di Aquilonia con recupero di 11 fontane e delle aree ad esse relative.

2004-'06, coordina e redige i Contratti di Quartiere per il Recupero e la Valorizzazione dei Centri antichi di Bisaccia, di Lacedonia, di Rocchetta Sant’Antonio e, in collaborazione con tecnico incaricato, del centro storico di  Mugnano del Cardinale. Vengono elaborati Studi di fattibilità e Piani di sviluppo socio-culturale degli ambiti urbani prescelti. Il Ministero delle Infrastrutture approva i progetti di Bisaccia e Lacedonia che, con forme diverse di finanziamento, si stanno attuando.  

2008, è ideatore e referente della Progettazione e realizzazione della Gypsotheca dell’Istituto d’Arte/Liceo artistico di Calitri, inaugurata nello stesso anno. A corredo della collezione di gessi redige un'apposita Guida illustrativa dei pezzi catalogati e esposti nel Museo.  

2008-'09, collabora con il Comune di Monteverde (Av), uno dei borghi più belli della Campania, per la stesura di tre progetti di Recupero e riqualificazione di fontane storiche.

2009-‘10, collabora al progetto Comenius, con l’Istituto professionale per il Turismo di Grottaminarda,  nella Produzione didattica di un lavoro multimediale, in italiano e in inglese, finalizzato allo scambio tra le scuole europee coinvolte, per la divulgazione e la valorizzazione del Patrimonio storico ed ambientale dell’Alta Irpinia.

2010, partecipa al Concorso di idee per la Nuova Chiesa, casa canonica e centro parrocchiale a Frigento, riservato agli architetti irpini.

2009-'13, redige e realizza il progetto di Riqualificazione ambientale della Contrada Valle d'Alfi in Altavilla Irpina.

2011-'15, redige e realizza il progetto di Valorizzazione ambientale del Centro antico di Lacedonia con la riqualificazione delle Piazze De Sanctis, I° Maggio, San Nicola e dei vicoli e slarghi tipici del borgo irpino.

2015, redige il progetto preliminare per la Ristrutturazione e risanamento conservativo dell'edificio del Magistrale di Lacedonia, storica e prestigiosa sede scolastica fondata da F.De Sanctis nel 1878; - redige il progetto esecutivo per la qualificazione e manutenzione del territorio, mediante il Recupero e riqualificazione delle aree dismesse nel Borgo Antico di Altavilla Irpina, in collaborazione con l'UTC del Comune; - redige il progetto esecutivo per la qualificazione e manutenzione del territorio, mediante il Recupero e riqualificazione dell'impianto sportivo outdoor dismesso sito in contrada Chiusa in Aquilonia.

 

Servizi professionali svolti dallo Studio

Lo Studio tecnico di Bio-architettura è un laboratorio di idee che offre al territorio Servizi professionali integrati in vari settori per enti e privati: progettazione architettonica e strutturale, direzione lavori, collaudi tecnico-amministrativi, consulenza specialistica antincendio e per la sicurezza sui luoghi di lavoro, design, consulenza.

L'architetto predilige i gruppi di progetto, riesce ad integrarsi e a collaborare proficuamente con professionisti e specialisti di altre discipline affini o complementari all’architettura e all’ingegneria civile, assicura alla committenza estrema cura nei progetti, attenzione all’originalità nel design, impegno e controlli frequenti in cantiere, per conseguire la qualità nelle realizzazioni. 

Dei progetti più significativi ha realizzato in passato modelli e plastici in legno di balsa.

cm modello intero cm modello esploso cm prospettiva

Attualmente presenta i suoi lavori attraverso rendering e compositing fotorelistici professionali eseguiti con avanzati software BIM/CGI.

Servizi professionali dello Studio

 

Modus operandi

Le variegate attività professionali svolte dell’Architetto Antonio Iannece lo hanno indotto sempre più a collaborare con artisti di campi affini all'architettura, allo scopo di operare un'effettiva integrazione  interdisciplinare: infatti nei suoi progetti architettonici sono sempre presenti elementi decorativi, plastici e pittorici, che arricchiscono e personalizzano gli aspetti estetici e funzionali delle sue realizzazioni architettoniche. Rielabora con disegni  e schizzi a mano libera le architetture irpine ed elementi e particolari di architetture classiche.  

 santandrea   Cairano scorcio  Abbazia San Vito Aquilonia  Santagelo dei L Castello

Miei schizzi 2014 002  Miei schizzi 2014 006 Miei schizzi 2014 005 Miei schizzi 2014 004 Miei schizzi 2014 003

Nel lavoro  è sempre più sensibile all'impiego integrato di risorse tecnologiche ed ambientali. 

La densa attività professionale svolta è stata espressa costantemente attraverso il confronto dialettico con apprezzati professionisti.

L’Architetto ha visitato e studiato le maggiori città italiane e moltissimi borghi minori. Ha viaggiato in Europa recandosi in Inghilterra, Francia, Spagna, Austria, Grecia potenziando il suo bagaglio culturale.

La sua metodologia e il suo stile originario, dalle prime esperienze professionali più accademiche e ricche di rielaborazioni con esplicite citazioni del funzionalismo, si è evoluto verso soluzioni progettuali di maggior eclettismo ed organicismo, come mostra il progetto per il concorso per la Nuova Chiesa di Frigento (2010).

schizzo immacolata frigento

 

 

 

Attività divulgativa

Il suo stile si esprime, oltre che nei suoi progetti, con articoli sul web e riviste, attraverso considerazioni relative a tematiche contingenti, a temi del dibattito architettonico e del design, a suggerimenti ed osservazioni critiche relative alla conoscenza, tutela e valorizzazione dell eredità/patrimonio dei Beni culturali e delle Risorse ambientali e turistiche italiane.

Citazione preferita

 <<...un’opera che commuove è assolutamente eccellente. Per la stessa ragione un’opera che non commuova e non coinvolga non vale niente… >>   

(J.B. Dubos)

Un suo aforisma  

<< ...meglio strani che anonimi! >>

 

 

 

 

Condividi su:
Italian English French Spanish

Novità

Novità

Utenti On Line

Abbiamo 83 visitatori e nessun utente online