Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per saperne di piu'

Approvo

Edificio per la Comunità Montana

Facciata e scala di emergenza

La Nuova Sede della Comunità Montana Alta Irpinia è stata realizzata su progetto dall’architetto Antonio Iannece, che ne ha anche diretto i lavori, coordinando una equipe di tecnici di varia specializzazione.

L’Opera pubblica è stata realizzata dall’Impresa Venturini S.p.A., di Gemona del Friuli (Ud) tra il 1990 e il 1994 e messa in esercizio nel 1995.

L’edificio si trova a Calitri in provincia di Avellino ed è stato concepito come un organismo polifunzionale, al fine di assolvere nel tempo, in modo flessibile e dinamico, ai molteplici bisogni amministrativi che vengono espletati dal massimo ente territoriale dell’Alta Irpinia.

La progettazione e la realizzazione dell’edificio hanno tenuto in debito conto la scadente portanza del suolo di fondazione relativo al lotto messo a disposizione e, per tale motivo, gran parte della struttura è stata poggiata su una palificata profonda circa 25 metri, che raggiunge gli strati più profondi e compatti di argilla.

L’intervento è stato eseguito impiegando i fanghi bentonitici per rinforzare le pareti dei fori dei pali in cemento armato realizzati nel terreno intriso d’acqua.

Il complesso architettonico si presenta asimmetrico, sia in pianta, sia in alzato; per tale motivo, ai fini antisismici, risulta costituito da cinque corpi di fabbrica giuntati e gravitanti attorno all’elemento centrale cilindrico destinato all’Aula consiliare.

Questa parte dell’edificio è stata realizzata con una fondazione in c.a. a graticcio su piastra che a sua volta sostiene agili strutture reticolari a vista in acciaio, composte da sei archi rampanti di differente ampiezza, poggianti in sommità su una trave orizzontale reticolare di circa trenta metri di luce netta. Le membrature reticolari sono disposte in maniera da sostenere la copertura che è sospesa a forma di ventaglio.

Il corpo di fabbrica centrale dell’edificio è stato destinato alle funzioni comuni: l’archivio stabile al piano seminterrato; la reception e la biblioteca comunitaria al piano rialzato; il foyer e l’aula del consiglio generale per 250 persone, al primo piano.

Dall’elemento centrale si sviluppano due corpi di fabbrica che ospitano gli uffici, le due strutture sono concluse da due scale in c.a. a vista per l'uscita di emergenza: - l’ala nord-est ospita al piano seminterrato l’autorimessa, al piano rialzato gli ambienti per gli addetti ai controlli territoriali antincendio, ai due piani superiori la presidenza la sala della giunta esecutiva, gli spazi per i gruppi consiliari e gli uffici geo-tecnici; - l’ala sud ovest, ospita al piano terra ambienti per la manutenzione dei mezzi antincendio in dotazione all’Ente, ai due piani superiori gli uffici di segreteria e di ragioneria, caratterizzati da una sistemazione open space.

La struttura portante in c.a. relativa queste due ali dell’organismo architettonico presenta un suolo artificiale sollevato da terra di 4.60 m (accorgimento che permettere l’attraversamento veicolare di tutto l’edificio e citazione esplicita del Bauhaus di Dessau), da esso si eleva la maglia triangolare degli esili pilotis del primo e del secondo piano, disposti ad interasse pari alla metà di quello dei più massicci pilastri del livello inferiore. Infine, incardinata tra il corpo centrale e le ali per uffici, vi è la torre per ascensori e montacarichi, alta circa trenta metri, elemento che verticalizza l’edificio e presenta alla sua sommità un volume tecnico prismatico di forma tronco piramidale.

Il progetto architettonico e strutturale trae evidente ispirazione dal razionalismo e dal funzionalismo del primo novecento di W. Gopius, Le Corbusier, F.L. Wrigth, a cui rende omaggio attingendone elementi e citazioni esplicite quali: le matrici planimetriche a 120°, l’asimmetria diffusa, l’edificio sollevato dal suolo, la strada di attraversamento veicolare, il suolo artificiale, l’organizzazione libera della pianta, la maglia dei pilotis infittita, le finestre a nastro, gli angoli con vetrate continue, il tetto piano, l’assenza di decorazione.

L'edificio è una delle poche opere pubbliche adibite ad uffici pubblici realizzate e messe in esercizio in Irpinia dopo il terremoto del 1980. 

 

Guarda le altre foto

Condividi su:

La ristrutturazione di un’abitazione a Vallata (Av)

I committenti hanno affidato all’architetto il compito di riorganizzare tutti gli spazi e tenendo conto che la zona giorno della casa doveva prospettare sul giardino e che occorreva integrare la zona notte, già organizzata nella mansarda, con una camera da letto matrimoniale molto ampia.

Danza

Il progetto che è stato messo in atto ha coniugato le istanze della committenza con le indicazioni dell’architetto ed il risultato è un’abitazione accogliente e signorile, punteggiata da elementi decorativi esclusivi che rievocano i temi aulici di tradizioni artistiche e mitologiche attingendoli da antiche culture mediterranee: la scena di “rovine architettoniche” nel pavimento dello studio, il pannello nel salotto che raffigura “l’aurora”, il rilievo nel bagno con “una danza di puttini” , le due alzatine in maiolica con “donne danzanti” e l’inserto ceramico nel pavimento di parquet della camera da letto che rappresenta “Apollo mentre rincorre Dafne“. Quest’ultimo pannello è incorniciato da un motivo decorativo geometrico che riprende, citandola, la bordatura del celebre affresco del Palazzo di Cnosso a Cretadel " Salto del Toro".

Un altro inserto ceramico che raffigura una “coppia di contadini intenti una danza popolare” è collocato nel pavimento di cotto spagnolo, tra l’ingresso e la cucina rustica. Gli spazi della casa presentano elementi di separazione e di connessione realizzati in legno pregiato di noce nazionale: le porte, le colonne tra il salotto e lo studio, le boiseries del tunnel tra la cucina e il salotto, che conferiscono un tono accogliente e caldo agli ambienti. I vetri delle porte sono composti da elementi quadrangolari in fusione, di colore variegato, tenuti da filetti in piombo.

All’esterno il pavimento, dello stesso tipo di cotto impiegato per il pavimento interno, è affiancato da zone ricoperte da piccole scaglie di pietra di fiume sistemate ad opus insertum entro fasce e bordature di forma sinuosa. Completano il giardino quattro grandi elementi scultorei cavi in ceramica che coprono altrettanti plinti lapidei in cui sono inserite le lampade. Nella colorazione dei toni del giallo più arancio, rosso, verde e azzurro , alludono al tema delle quattro stagioni.

Tutte le decorazioni parietali e pavimentali in ceramica sono state liberamente realizzate dallo scultore ceramista irpino Fulvio Moscaritolo su indicazioni del progettista.

Puttini

Condividi su:
Italian English French Spanish

Novità

Novità

Utenti On Line

Abbiamo 93 visitatori e nessun utente online